Foto, video, parole, suoni. Storie. Questo è quello che vogliamo da te. Qui.

Scommettiamo che anche tu hai qualcosa da dire?

.. Crea account login
......
..
15

Inserita da

, il

12.06.12
emozioni a bordo

quante emozioni , anche profonde può regalarci un viaggio

Sono partita come sposa novella, felice, emozionata, ancora non completame sicura di quello che avrei trovato ad accogliermi . Imbarco al porto di Genova. donne, bambini, donne e ancora bambini, tanti, chiassosi, ovunque. le donne parlavano con me in arabo, ...almeno finchè non le guardavo con un punto interrogativo stampato in faccia e allora capivano che ero araba solo nell'aspetto, ma non capivo una parola. In ogni momento si parlava con qualcuno, ci si raccontava storie. Tutte quelle persone tornavano a casa, erano per la maggior parte Tunisini che vivevano in Italia , da figlia di immigrati Italiani ho riconosciuto l'emozione e l'eccitazione che c'era a casa mia quando si avvicinava la partenza per andare "giù"... ora respiravo la stessa aria , cambiava solo la lingua ma l'emozione era la stessa. Venti ore di navigazione, tante, tantissime per me che odio navigare; venti ore di navigazione ti fanno sembrare lontanissimo qulsiasi paese, ma tutti continuavano a parlare a bere tè verde e io ormai sentivo di far parte completamente di quel traghetto di emozioni. Terra!! siamo arrivati, tutti (credo proprio tutti..) escono e di colpo non parla più nessuno, gli sguardi fissi a guardare LEI la propria terra, casa. Una nuova emozione coinvolge tutti, commozione, occhi lucidi e alcune lacrime. Tutto dura dieci minuti, poi i bambini ricominciano a urlare e tutti a parlare, con voce ancora più alta. Il viaggio è finito, per la prima volta vedo la Tunisia, e non so perchè , ma dal primo istante capisco che anche per me quel viaggio è stato un ritorno, un ritorno a quella che anche per me sarà casa. Per altri venti anni ho rifatto quella tratta, per altri venti anni ho assaporato i dieci minuti di silenzio sul ponte del traghetto, ora l'arabo un pò l'ho imparato ma sul ponte rimango anche io in silenzio, emozionata a guardare la terra, lasciando il posto alle emozioni.

..
Pubblica una storia e vinci!